Il libro del giornalista Nicotri “Triplo inganno”- parte seconda.

Continuo la disamina del nuovo libro del giornalista Nicotri.

A pag.221 leggo: “Accetti spiega che il piano prevedeva di liberare presto la ragazza, il tempo di avere in mano la denuncia di scomparsa ma il piano andò in fumo per l’appello del papa il 3 luglio. Affermazione temeraria visto che tra la denuncia della scomparsa e l’appello del papa sono trascorsi 11 giorni, perciò il tempo di avere la denuncia c’era stato in abbondanza.”

Faccio presente che il Nicotri aveva pubblicato il 16 giugno 2014 parti del mio memoriale nel quale si leggeva:

Quella sera [22 giugno 1983] non fu fatta alcuna denuncia per cui non potemmo far rientrare la ragazza da Villa Lante e la facemmo pernottare in una stanza in compagnia di un’altra giovane donna maggiorenne.
L’indomani, pur essendo già in possesso della copia della denuncia, ci giunse notizia che la Commissione Bilaterale, voluta dal Segretario di Stato Card. Casaroli, e composta anche da personalità appartenenti alla Repubblica Italiana per indagare sulle gravi discrasie economiche verificatesi all’interno dell’Istituto Opere di religione, non avrebbe consegnato, così come da impegno preso, il proprio parere il 30 giugno 1983. E non si conoscevano le reali motivazioni di tale rinvio. A tal’uopo si decise di trattenere la ragazza, la cui “scomparsa” si poteva “gestire” anche in rapporto a tale possibile necessità.

Quindi io dichiarai che il 23 giugno giunsero delle voci riguardante la commissione I.O.R., che furono la causa del prolungarsi del “sequestro” della Orlandi.

Il Nicotri nonostante possedesse il memoriale, non ha tenuto conto di quanto vi era riportato e mi ha attribuito affermazioni da me mai pronunciate né scritte, a suo uso tendenzioso.

Alcuni suoi lettori mi scrissero per farmi presente quanto costui abbia sempre “smontato” con i suoi articoli le mie dichiarazioni. Infatti ho appena esposto il suo metodo di contraffazione. Ed è insolito che tali suoi simpatizzanti non lo comprendano. Lui ne può ricavare qualche vantaggio, loro rischiano di apparire degli idioti senza motivo alcuno.

Leggo a pag.70 del libro, che il numero segreto 158 utilizzato dai presunti rapitori per comunicare con la Segreteria di Stato vaticana non fosse affatto segreto in quanto già pubblicato dalla agenzia Ansa per ben due volte: il 27 settembre e il 3 novembre. Ciò è falso in quanto le telefonate alla Segreteria di Stato furono effettuate nel mese di luglio 83. Quindi molto prima del 27 settembre e del 3 novembre, date in cui il numero 158 verrà pubblicato.

Il Nicotri abusa anche in questo caso del fatto che i lettori non possono ricordare ogni dettaglio di un caso tanto complesso.

A pag. 222 scrive: “Naturalmente sul presunto flauto di Emanuela non è stato trovato alcun Dna della ragazza, come era prevedibile. Lo strumento era solo per mettere in scena una nuova puntata dell’Orlandi Show.” In verità non è stato trovato alcun DNA, e non come Nicotri vuol suggestionare, che non si sia trovato il DNA della ragazza in quanto il flauto non apparteneva alla stessa. Se così fosse si sarebbe trovato il DNA del vero proprietario del flauto.

Il giornalista nei suoi precedenti articoli ed in questo libro, ha dichiarato che il flauto è stato ritenuto un falso.

In verità i giudici non hanno escluso che il flauto fosse appartenuto alla ragazza. Vi è solo una perizia che attesta che per l’usura del tempo, non è stato possibile rintracciare alcuna traccia biologica utile.

Ma un magistrato è il peritus peritorum, il perito dei periti. Deciderà lui, secondo la sua discrezione e tenendo conto degli altri documenti acquisiti e contestuali, se quello strumento musicale sia verosimilmente appartenuto o non ad Emanuela.

(Termine parte seconda)

Advertisements
This entry was posted in Fatti Giudiziari and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s