Il “professore”

Fin dall’inizio di questa mia storia giudiziaria sono entrato nelle pagine FB, ritenendo vi fosse la possibilità che alcune persone mi potessero contattare a vario titolo e sotto mentite spoglie.

Ho individuato nel tempo due profili falsi tra cui tale “professore” Costui è in realtà una donna che partecipò ai noti fatti. Nel timore che io potessi nel futuro chiamarla in correità, crede di giocare d’anticipo applicando il seguente schema: se riuscisse a dimostrare che io sono un fascista che sta mentendo spacciandosi per un uomo di sinistra, sarei quindi un bugiardo che sta mentendo anche sul caso Orlandi. Conseguentemente se un domani  la dovessi coinvolgere giudiziariamente sarei almeno in parte già squalificato e ritenuto appunto un impostore.

Certo tutto ciò è alquanto esile e velleitario. L’aspetto debole di tale teorema consiste nel fatto che non si comprende per quale motivo un autentico fascista debba spacciarsi per un autentica persona di sinistra. Inoltre io ebbi una relazione per anni con la signora in questione, conoscevamo entrambi i rispettivi genitori e a volte dormivamo insieme nelle rispettive abitazioni. Come si concilia che una ragazza di estrema sinistra e sensibile come lei condividesse la sua vita con un fascista tanto pericoloso e delinquente quale il Professore mi definisce?

Ma il voler dimostrare quanto io sia mendace non si esaurisce a tale argomento. Quando fu pubblicata la   nota foto nella quale appariva una ragazza che io indicai essere l’attrice Ombretta Piccioli durante la lavorazione di un film dell’autunno del 1983, l’esimio Professore si affrettò a dichiarare quanto io stessi mentendo in quanto si trattava certamente di una delle sosie della Orlandi che io frequentavo e che tale foto era stata da me inviata ai giornali per motivo di lucro.

Ho prodotto il mio numero telefonico al sedicente Professore, chiedendogli di chiamarmi per confermare della sua esistenza. Ha risposto che ciò significherebbe fare il mio gioco. Obbiettivamente era proprio il contrario. Del resto si è ben guardata dal contattare altri iscritti nelle pagine che le avevano fatto pervenire il loro nominativo telefonico.

Il signor Nicotri ha dichiarato di averlo conosciuto, per cui aspetto che me lo presenti. Ma non vorrei che finisca come le due famose perizie sulla mia voce e su quella dell’ “americano”che il giornalista disse di aver disposto e di cui ancora aspettiamo di vedere i risultati pubblicati per intero.

Il Nicotri ha inoltre scritto che il Professore é un mio profondo conoscitore al punto da avermi smascherato, ma non si chiede né spiega il perché un tale prezioso testimone non si sia ancora recato in procura né tanto meno lo esorta a farlo. Invito gli inquirenti ed ogni giornalista a contattare l’uomo. Sarà mio impegno che tutti lo cerchino, cosi potrà veramente dimostrare di esistere realmente.

Le altre ragazze che parteciparono ai fatti dell’83 sono rimaste prudentemente silenti, mentre questa signora ha scelto una pessima tattica, in quanto agitandosi ha attirato attenzione e sospetti, ed è destinata ad essere inesorabilmente individuata e a dover rispondere sul motivo dei suoi comportamenti. A meno che non cerchi proprio l’esposizione mediatica.

Sul mio presunto fascismo riconfermo “tout court” quanto da me sempre dichiarato: considero l’essere fascista non una legittima manifestazione del pensiero politico quanto piuttosto una grave patologia della psiche. Nella cosiddetta “sinistra” identifico i moti naturali dell’emancipazione e della condivisione con gli esseri tutti.

Nei miei trascorsi ho frequentato ed usato i neofascisti, in sede giudiziaria approfondirò la materia.

Vorrei ricordare alla signora che l’attore Dario Fo, emblema assoluto dell’antifascismo di sinistra e che lei  giustamente stimava, si arruolò come paracadutista nella Repubblica Sociale Italiana. E sono innumerevoli i casi omologhi che potrei menzionare. In quanto l’esistenza è lunga e complessa. Per cui è antistorico e gretto voler demonizzare le persone. È piuttosto questa signora ha presentare una aggressività, un’attitudine falsificatoria ed un “cyber bullismo” che mal si coniuga al suo credo politico, che certo non metto in discussione.

Advertisements
This entry was posted in Fatti Giudiziari and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Il “professore”

  1. Vento Bianco says:

    “sciroccato”…..??? Sig. “FORCHETTA a pugno chiuso, portavoce del “Comitato Stoviglie Libere dagli Alitosi dei Malavitosi” a chi fà riferimento? A Chi o Cosa si stà riferendo…?
    Sà visto l’alto livello del contenuto del primo vosto comunicato… ma non potevate risparmiarvi questa “parola” era necessario… un giorno comprenderete che state sbagliando tutto… ma allora sarà forse troppo tardi.
    TUTTI pretendiamo dalla Procura indagini profonde e accurate, con tutti gli strumenti all’avanguardia a loro disposizione, con perizie tecniche audio e sonore… e “MESSAGGI” …le parole rimangono eterne….le emozioni sono solo temporanee. Attendendo Vostri Ulteriori Comunicati Restiamo in Attesa…
    Qualora poi questa fosse una nuova forma pubblicità di qualche futura Rappresentazione Teatrale…attendiamo..con Ansia…. altri spot.
    Cordiali saluti all’egregio Comitato…
    Quanti commensali a questa tavola, chissà tanto avremo modo di conoscerci, attraverso questo invito… ma ho già prenotato.

  2. Vento Bianco says:

    Quale delusione… io pensavo parlasse seriamente “professore”… e invece era un volgare SPAM… una pubblicità teatrale? Comunque magari potrebbe fare lo “storico di MFA” però continua a commettere degli errori “madornali” quando lei dice “E a proposito di Erich Priebke: uno dei due fogli di quotidiano che avvolgevano il flauto fatto ritrovare a CLHV, era il “Messaggero” dell’agosto 1996, e riportava in bella mostra (fatto vedere in TV da CLHV) un articolo con tanto di foto in primo piano del nazista Erich Priebke” Lei non era al corrente di questo e fa delle citazioni errate(ne ho le prove come ben sà) e all’occorrenza saranno prodotte… e sa come dice “lei” se mente su questo… beh vengono dubbi anche su altro. La pregherei di specificare chi sia lo “sciroccato” perchè questa parola l’ho già sentita troppe volte, oppure basterebbe solo omettere giudizi di tali parole e allorà vedrà che tutto avrà termine… Errare humanum est, perseverare autem diabolicum. Per il resto del suo discorso serio non mi esprimo e non mi interessa. Attendiamo per quanto mi riguarda l’esito delle autorità. Le rammento che in quelle pagine che lei sà, perchè ha detto di “conoscere” ci sono delle cose che lei asseriscono non corrispondenti. E’ mio auspicio non sottostare a questa forma di stalking… io intervengo solo a mia tutela e resta inutile farlo in queste sedi…facciamolo nelle sedi opportune. Magari prenda qualche calmante per dormire la sera… sa il sonno fà bene alla salute. Mi stia bene…professore!

  3. max says:

    Io se potessi chiederei alla donna che si definisce (e non ho motivo di dubitarne) donna di sinistra (estrema sinistra) come ha fatto a stare per anni(se non sbaglio) con una persona che militava attivamente nella destra estrema, responsabile di quegli episodi succcitati dal professore nel post precedente…non riesco francamente a capire come sia possibile, in quegli anni politicamente “caldi”, starsene da donna di sinistra, al fianco di un noto estremista di destra…non sto esprimendo giudizi, sto solo facendo delle considerazioni personali in merito a quanto letto nei post precedenti al mio. Non ho letto nulla degli episodi di cui fa menzione nel suo post, ne ho sentito parlare comunque, questo si’.Poi per carita’, la natura umana è estremamente complessa, e piena di innumerevoli sfaccettature che tentare di spiegare in due parole, dopo trent’anni per giunta, risulta a mio avviso una operazione piuttosto complicata..

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s