Degli errori di giudizio – I parte

Il magistrato dott. Capaldo, è sempre stato ritenuto un professionista qualificato ed attendibile. Eppure, è stata sufficiente la posizione a lui contraria di altri giudici, per ritenere il suo giudizio, secondario e fallace. Ciò denota l’inconsistenza e fragilità di pensiero di molte persone, se non la malafede. Eppure fu solo lui a condurre i tredici lunghi interrogatori. Il giudice Maisto non mi ha mai rivolto una domanda. Il dott. Pignatone e la Calò non li ho mai incontrati. Comunque sia, tale istruttoria è stata a dir poco carente. Ed incredibilmente non si è proceduto al confronto, tra colui che dichiara di essere un responsabile ed il poliziotto, che innanzi al Senato avvistò un possibile sequestratore. Eppure tali testimonianze raccontavano di un biondino magro, leggermente stempiato ed viso allungato. La mia descrizione dell’epoca, come certe fotografie confermano. La scomparsa di ben due persone, non hanno meritato tale confronto, d’obbligo e logico in qualunque altro caso di scomparsa e di omicidio. Tra l’altro in questo procedimento, non è stato disposto mai alcun tipo confronto. Eppure, ciononostante i giudici sentenziano.

Advertisements
This entry was posted in Fatti Giudiziari and tagged , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Degli errori di giudizio – I parte

  1. Vento Bianco says:

    Marco hai uno strano linguaggio, non ti esprimi più con la tua solita arguzia, sai ho qualche dubbio sulla tua identità… ora . Puoi esprimere qualcosa che possa farti riconoscere. Ho una strana sensazione…che siano altri a scrivere…. sai come togliere ogni dubbio.

  2. carlo artemi says:

    Caro Fassoni . Approfitto di questo spazio che lei ci concede perché lei molto correttamente non butta fuori coloro che affermano certe cose a differenza di qualche altro . Il sottoscritto ha visto clamorosamente confermate dalla Procura di Roma le sue ipotesi sulla fuga volontaria del noto fisico Ettore Majorana , Ciò affermo non per farmi pubblicità o per difendere la Procura ma per far capire a che legge queste righe che non sta parlando uno sprovveduto . Ora io da tempo mi occupo come RICERCATORE INDIPENDENTE ( non sono ne pretendo di essere un supertestimone , un detective o un signor tutto so ) proprio del caso Orlandi con rapportini inviati per scritto ( lettera raccomandata A/R ) alla Procura . Le dico subito che la mia ricostruzione di questo caso ha punti di coincidenza ma anche punti di differenza da ciò che lei afferma ma che se fossi stato uno dei MANDANTI dell’operazione Orlandi-Gregori / tenga presente che ho sempre considerato Marcinkus un gran ……..) l avrei volentieri assoldata avendo lei notevoli qualità utili all’impresa . quindi tendo a credere a quello che lei dice . Però dalle mie ricerche risulta che la signora Emanuela Orlandi sia VIVA e LIBERA ( libera anche di non uscire allo scoperto per motivi che siamo tenuti a rispettare ) . In queste condizioni tenendo conto che il reato di sequestro di persona nel 1983 è prescritto ( ma ci voleva il sottoscritto per dirlo chiaramente ?) non si capisce per che cosa lei o altri avrebbero dovuto essere processati . Se poi qualcuno vuole un processo che possa portare alla verità potrebbe fare una bella denuncia per diffamazione contro certa gente che ha scritto cose oggettivamente pesanti non nel 1983 ma in tempi più recenti e quindi la prescrizione non opera !

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s