RIFLESSIONI

Mi si dice che la nota trasmissione della RAI, preposta alla cura degli scomparsi, nella sua settimanale puntata non abbia neanche accennato al possibile trafugamento del corpo di Catherine Skerl. Eppure fecero 18 puntate per dimostrare un fatto non vero: che fossi un depravato nei confronti dei minori, senza esibire mai alcuna testimonianza o prova reale. Ora che la mia dichiarazione sulla tomba violata può essere facilmente ed immediatamente verificabile non affrontano l’argomento.

Ciò è facilmente spiegabile: nel caso la mia previsione dovesse essere confermata, verrebbe meno la loro tesi che io sia solo un mitomane che ha appreso da libri e carte giudiziarie. Per cui è preferibile sorvolare nella speranza che alcun organo investigativo voglia accertare.

Costoro si spacciano per servizio pubblico, capitanati da una donna già condannata in via definitiva per diffamazione, e ciononostante non rimossa come il buon senso richiederebbe.

Riflettevo inoltre sul fatto che il giudice Capaldo, dopo aver svolto un lungo lavoro investigativo era arrivato in ultimo a formulare il suo parere, che ha dovuto accantonare per il volere di un altro magistrato che non ha seguito affatto l’inchiesta, ma che ha imposto la sua volontà, la quale a mio parere non può che essere logicamente di opportunità politica.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s