La sensibilità di Pignatone

Il capo della Procura romana Pignatone dopo aver perso il primo processo contro gli agenti di custodia, a suo dire responsabili dell’omicidio di Stefano Cucchi e che furono assolti, rilanciò facendo istruire un nuovo processo contro i medici, a suo dire colpevoli di tale morte. Anche costoro furono assolti e il Pignatone ora rilancia con un nuovo processo contro i carabinieri, a suo dire responsabili del tragico fatto.

Quindi il Capo Procuratore vuole assolutamente che sia fatta verità su tale caso, e secondo la mia opinione tale zelo è prodotto dal fatto che il caso Cucchi è un caso recente, e di assoluto interesse nazionale e mediatico, che suscita la partecipazione a tutti i livelli sociali e di costume.

Conversamente il caso Orlandi, è un fatto datato, superato e ormai saturo. E’ soprattutto scomodo in quanto urta costantemente contro il nuovo corso del Pontificato di Francesco. Per cui non meritevole di alcun processo, paradossalmente al punto che non va celebrato finanche, il dibattimento nei miei confronti di calunnia e autocalunnia, impedendomi di fatto di difendermi pubblicamente dalle accuse che lo stesso Pignatone mi aveva rivolto, defenestrando il giudice Capaldo, vero titolare dell’inchiesta.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s